OneDrive per Android si aggiorna, si trasferisce sulla microSD

Una delle funzioni più richieste negli ultimi anni dagli utenti OneDrive sulla piattaforma Android è senza ombra di dubbio quella che riguarda lo spostamento della stessa app sulla scheda microSD.

Dopo anni di sviluppo, sembra che finalmente il colosso di Redmond abbia tenuto conto dei numerosi feedback degli utenti rilasciando la versione 5.9 dell’applicazione dedicata al robottino verde.

L’aggiornamento teoricamente è già disponibile sul Google Play Store ed il changelog ufficiale include anche alcuni miglioramenti oltre alla modifica già accennato all’inizio di questo articolo.

Gli sviluppatori di Microsoft hanno modificato la vista Foto per renderla ancora più veloce rispetto alla precedente versione di OneDrive, nonostante negli ultimi mesi l’interfaccia sia notevolmente migliorata sembra che per casa Ms ancora ciò non sembra essere abbastanza.

Di certo la notizia più clamorosa di oggi sta nel fatto che è finalmente possibile spostare l’intera applicazione all’interno della microSD del vostro smartphone Android, piuttosto che lasciarla sulla memoria interna del telefono occupando dello spazio che solitamente vorreste riservare ai vostri contenuti multimediali.

Lo spostamento vi ricordiamo che non può essere effettuato dall’applicazione, ma attraverso le Impostazioni di sistema del vostro dispositivo ed all’interno del menu inerente le applicazioni installate.

Sebbene la nuova versione di OneDrive sia già presente sullo store del colosso di Mountain View, pare che alcuni utenti non riescano ancora ad effettuare lo spostamento sulla memoria esterna.

Fateci sapere nei commenti se anche voi riscontrate lo stesso problema, nelle prossime settimane riusciremo sicuramente a capire quale possa essere il fattore che impedisce tale operazione ad alcuni dispositivi.

FONTE: Phonearena;

Microsoft OneDrive
Microsoft OneDrive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.